CONSERVAZIONE DELLA COMPLESSITÀ E DELLA DIVERSITÀ BIOLOGICA DEI SISTEMI FORESTALI

Susanna Nocentini

Abstract


La definizione di modelli di gestione sostenibile dei sistemi forestali per la conservazione della diversità biologica richiede l’analisi delle complesse interazioni che caratterizzano il funzionamento degli ecosistemi forestali e che attraversano molteplici scale spazio-temporali. Per elaborare procedure applicative coerenti con l’obiettivo ed effettivamente praticabili, occorre fare riferimento a un solido e condiviso quadro teorico. E ciò perché qualsiasi ipotesi di gestione delle risorse naturali deve avere il consenso di molteplici portatori di interesse. Per conservare la complessità e la diversità biologica occorre differenziare, nel tempo e nello spazio, le scelte gestionali e favorire la presenza di quegli elementi che possano fare da collegamento attraverso le diverse scale spazio-temporali. La pianificazione forestale rappresenta uno strumento efficace per garantire la sostenibilità ecologica, economica e sociale della gestione. Come esempio delle potenzialità insite nella pianificazione forestale vengono esaminate le diverse alternative di gestione del ceduo, cioè di un sistema forestale fortemente semplificato dall’attività umana e molto diffuso in Italia. La pianificazione consente inoltre di recuperare e valorizzare, modulandoli nel tempo e nello spazio, le molteplici forme colturali che fanno parte del patrimonio storico e culturale del nostro Paese.


Keywords


biodiversità; pianificazione forestale; scala spazio-temporale; gestione del ceduo.

Full Text PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright © Accademia Italiana di Scienze Forestali