La tutela riservata nel tardo medioevo al territorio montano e collinare dell'Appennino marchigiano. Parte I: gli statuti comunali di Sefro e Fiastra

Vittorio Gualdi

Abstract


Lo studio condotto, qui di seguito riportato, riguarda gli statuti dei comuni di Sefro e Fiastra, che nel tardo Medioevo costituirono assieme ad altri il Ducato di Camerino. Esso inizia con la delineazione dell’ambiente interessato, considerato negli aspetti geologici e idrogeologici, idrografici e morfologici ed edafici e vegetazionali. Lo stesso studio prosegue con la illustrazione dei risultati ottenuti con l’analisi svolta al riguardo degli stessi statuti, risalenti al XV secolo: si tratta delle norme stabilite per la coltivazione dei campi e dei boschi, l’allevamento del bestiame, la pratica della caccia e della pesca, il governo delle acque sorgive, fluenti e lacustri e la verifica del rispetto delle stesse norme, che conservarono in modo adeguato le risorse naturali, dalle quali i residenti a Sefro e Fiastra traevano quanto occorreva al loro sostentamento, con la salvaguardia delle tecniche impiegate per valorizzarle.


Keywords


tutela del territorio; tenimenti di Sefro e Fiastra; tardo Medioevo

Full Text PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


 

Copyright © Accademia Italiana di Scienze Forestali

The Journal is published online according to the Creative Commons Attribution-Non Commercial 4.0 International (CC BY-NC 4.0) license (https://creativecommons.org/licenses/by-nc/4.0/).