La teoria della selvicoltura sistemica i razionalisti e gli antirazionalisti, le «sterili disquisizioni» e il sonnambulismo dell’intellighenzia forestale

Orazio Ciancio

Abstract


Prendendo spunto da sette scritti apparsi nel 2009 sulla Rivista Sherwood, che analizzano in maniera critica la teoria della selvicoltura sistemica, il saggio ripercorrei punti salienti del dibattito che si è aperto sulla questione «selvicoltura naturalistica» versus «selvicoltura sistemica». Nella prima parte si sottolinea l’importanza della enunciazione delle teorie peril progresso scientifico e si evidenziano le differenze tra la scienza e la tecnica in ambito forestale. Inoltre, si illustra l’iter che ha determinato un ritorno alla natura in selvicoltura e l’evoluzione della selvicoltura in Europa e in Italia a partire dalla fine del XIX secolo fino ai giorni nostri. In particolare, si analizza la cosiddetta selvicoltura naturalistica e le diverse forme a essa riconducibili, attraverso un excursus del pensiero edelle teorie di alcuni dei più significativi Maestri delle Scienze forestali. Nella seconda parte del lavoro si riflette su alcune questioni specifiche postenei sette articoli allo scopo di fare chiarezza sulle differenze tra la selvicoltura sistemicae la cosiddetta selvicoltura naturalistica. L’analisi evidenzia la mancanza didefinizioni e principi teorici di riferimento relativi alla cosiddetta selvicoltura naturalistica, e si conclude pertanto con un invito a esaminare con maggiore dettaglio e precisionela problematica in questione.

Keywords


selvicoltura sistemica; selvicoltura naturalistica; cultura del bosco

Full Text PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.